Pubblicato da: ziolinux | marzo 29, 2010

Utilizzo di nohup e format

Chi non conosce nohup?

Per chi non lo sapesse, è uno di quei comandi che dovrebbero essere sempre bagaglio di ogni buon sistemista “Unix Like”.

Nohup ci consente di avviare una sessione shell “connection less” e ci risolve diversi problemi quando dobbiamo eseguire delle attività da remoto che richiedono lunghi tempi di elaborazione.

In questi casi infatti la perdita di connessione provocherebbe la chiusura della shell e di ogni processo figlio attivato dalla stessa.

Uno di questi casi si verifica quando dobbiamo effettuare per esempio l’analyze di un disco per rilevare blocchi difettosi e tale operazione può richiedere parecchie ore di elaborazione.

Questa è la sintassi:

nohup /root/m_analyze.sh >/root/m_analyze.log 2>&1 ; tail -f /root/m_analyze.log

Nohup esegue un seplice script m_analyze.sh che esegue il format con una serie di parametri che automatizzano l’esecuzione dei sub-command.

L’output e gli errori vengono rediretti su file di log m_analyze.log  e il tail mostra in console lo sviluppo dell’analyze.

In questo caso anche se la sessione dovesse morire il processo legato allo script m_analyze.sh continuerebbe la sua esecuzione fino al termine del sub-command del format.

Lo script m_analyze.sh, dove c4t1d0 è il disco da analizzare:

#!/bin/sh
format c4t1d0 <<EOF
a
read
yes
q
q
EOF
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: